Pinocchio e l’albero degli zecchini

PInocchio e l'albero degli zecchini

“Buon giorno, Pinocchio”, gli disse la Volpe, salutandolo garbatamente.
“Com’è che sai il mio nome?” domandò il burattino.
“Conosco bene il tuo babbo.”
“Dove l’hai veduto?”
“L’ho veduto ieri sulla porta di casa sua.”
“E che cosa faceva?”
“Era in maniche di camicia e tremava dal freddo.”
“Povero babbo! Ma, se Dio vuole, da oggi in poi non tremerà più!…”
“Perché?”
“Perché io sono diventato un gran signore.”
“Un gran signore tu?” disse la Volpe, e cominciò a ridere di un riso sguaiato e canzonatore: e il Gatto rideva anche lui, ma per non darlo a vedere, si pettinava i baffi colle zampe davanti.
“C’è poco da ridere”, gridò Pinocchio impermalito. “Mi dispiace davvero di farvi venire l’acquolina in bocca, ma queste qui, se ve ne intendete, sono cinque bellissime monete d’oro.”
E tirò fuori le monete avute in regalo da Mangiafoco.
Al simpatico suono di quelle monete la Volpe, per un moto involontario, allungò la gamba che pareva rattrappita, e il Gatto spalancò tutt’e due gli occhi, che parvero due lanterne verdi: ma poi li richiuse subito, tant’è vero che Pinocchio non si accorse di nulla.
“E ora, gli domandò la Volpe, che cosa vuoi farne di codeste monete?”
“Prima di tutto, rispose il burattino, voglio comprare per il mio babbo una bella casacca nuova, tutta d’oro e d’argento e coi bottoni di brillanti: e poi voglio comprare un Abbecedario per me.”
“Per te?”
“Davvero: perché voglio andare a scuola e mettermi a studiare a buono.”
“Guarda me!” disse la Volpe. “Per la passione sciocca di studiare ho perduto una gamba.”
“Guarda me!” disse il Gatto. “Per la passione sciocca di studiare ho perduto la vista di tutti e due gli occhi.”
In quel mentre un Merlo bianco, che se ne stava appollaiato sulla siepe della strada, fece il solito verso e disse:
“Pinocchio, non dar retta ai consigli dei cattivi compagni: se no, te ne pentirai!”

…Oggi ci siamo serviti della storia di Pinocchio per parlare dei PRESTITI! spesso sia come colloqui di Micorcredito sia per altri racconti, veniamo a conoscenza di persone che sono ricorsi ad agenzie o a Banche per fare prestiti di grande portata per progetti realizzabili anche con pochi euro.

Oggi per radio hanno dato questo spot: “Per ristrutturare la tua casa, organizzare il tuo matrimonio, finanziare le esigenze di spesa della tua famiglia: da Compass trovi il prestito più adatto per realizzare il tuo progetto. Puoi richiedere fino a 30.000€!

Ma è necessario avere un bel gruzzolo di monete per portare avanti dei progetti??

Noi siamo sicuri che con poco si può fare molto! Il nostro Don Mario Operti diceva: “bisogna investire sull’intelligenza e nel cuore delle persone”.
Non fatevi prendere in giro…. Utilizzate capacità e conoscenza e Innovazione!

Informazioni su Progetto Policoro Forlì

Cos’è il Progetto Policoro? È un progetto organico della Chiesa italiana che tenta di dare una risposta concreta al problema della disoccupazione in Italia. Policoro, città in provincia di Matera, è il luogo dove si svolse il primo incontro il 14 dicembre del 1995, subito dopo il 3° Convegno Ecclesiale Nazionale tenuto a Palermo. Si vuole «affrontare il problema della disoccupazione giovanile, attivando iniziative di formazione a una nuova cultura del lavoro, promuovendo e sostenendo l’imprenditorialità giovanile e costruendo rapporti di reciprocità e sostegno tra le Chiese del Nord e quelle del Sud, potendo contare sulla fattiva collaborazione di aggregazioni laicali che si ispirano all’insegnamento sociale della Chiesa.
Immagine | Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...